Ieri sera, mentre passeggiavo sotto un cielo stellato accompagnata dal canto del vento, mi sono lasciata incantare da un bellissimo spicchio di Luna e, così, la mia immaginazione mi ha portato a creare questa breve meditazione per sfruttare al meglio l’energia creativa e femminile di questa Luna Crescente di Febbraio. Ma prima di iniziare la meditazione vi do qualche consiglio per prepararvi al meglio.

Cari amici, innanzitutto scegliete un momento della giornata in cui nessuno potrà disturbarvi (l’ideale sarebbe comunque la sera prima di addormentarvi); dopodiché recatevi nelle spazio preferito di casa vostra nel quale vi sentite più a vostro agio e accendete un incenso, oppure potete bruciare qualche goccia di olio essenziale… l’importante è che li scegliate con cura, come se fosse un rituale di preparazione e affidandovi al vostri istinto (andate a naso… come fanno i gatti!). Potete, inoltre, creare un’atmosfera ancora più rilassante e magica accendendo una candela (magari bianca o argentata) e osservare per qualche minuto la fiamma che oscilla mentre lasciate scorrere i vostri pensieri. O ancora potete tenere in mano (o vicino a voi) i vostri cristalli preferiti e, per chi come me usa i Tarocchi, può osservare per qualche istante la carta della Luna (Arcano XVIII) prima di iniziare la meditazione.

Dopo la fase di preparazione dell’ambiente possiamo iniziare la meditazione della Luna Crescente… via che si parte attraverso un bellissimo viaggio surreale!

 

download (1) moon

Trovate  una posizione comoda, distesi sul letto o seduti in poltrona, chiudete gli occhi e cominciate a portare l’attenzione sul respiro, mettendo una mano sul plesso solare, dopodiché fate dei respiri molto lenti, inspirando dal naso ed espirando dalla bocca, mentre tutte le tensioni e le preoccupazioni svaniscono e il vostro corpo e la vostra mente si rilassano sempre di più. Per rilassarvi completamente potete visualizzare le parti del vostro corpo ripetendo ad esempio questa frase: “il mio braccio destro è completamente calmo, rilassato e pesante” e così via per tutto il resto del corpo. Se durante la fase di rilassamento qualche pensiero molesto vi attraversa la mente, dategli la forma di una nuvola che si dissolve nel cielo e lasciatelo scorrere. Mentre siete immersi nel respiro e ascoltate il battito del vostro del vostro cuore, immaginate un paesaggio notturno immerso in una natura lussureggiante. Notate tutti i particolari del luogo, le piante, i fiori, se nelle vicinanze c’è un ruscello o un fiume, se all’improvviso spuntano degli animaletti notturni, dei gufi o delle lepri… lasciate spazio alla vostra immaginazione e percepite i profumi del posto e i suoni, perché nell’incantato regno della notte tutto assume un tono diverso, più sfumato e mistico, mentre un meraviglioso cielo stellato accompagna il vostro cammino e voi vi sentite al sicuro e protetti dalla vostra buona stella e, anche se è notte fonda, voi non avete paura e sapete che potrete ritornare in questo posto tutte le volte che lo vorrete. Cominciate ad incamminarvi lentamente in questo bosco fatato, mentre dinnanzi a voi si apre un sentiero che vi porta verso una lunga scalinata che cominciate a salire passo dopo passo e il paesaggio intorno a voi si fa sempre più piccolo e man mano vedete sempre più chiaramente i pianeti e e le stelle che danzano e brillano tutte intorno e voi vi sentite sempre più sereni e rilassati. Ogni gradino che salite porta sempre più su, finché arrivate davanti ad un bellissimo spicchio di Luna che sembra un’amorevole culla, di un colore etereo e argenteo che man mano diventa di un colore aranciato e caldo. Fermatevi un istante per contemplare la Luna e tutto ciò che vi sta intorno, mentre all’improvviso (in lontananza) vedete una figura femminile che comincia ad avvicinarsi verso voi… viene sempre più vicino e cominciate a notare questa donna che ha viaggiato oltre lo spazio e il tempo per raggiungervi. Ora è davanti a voi: chi è questa donna? Datele un volto, un aspetto (è giovane, è anziana?). Notate i suoi abiti, se porta dei gioielli particolari, i lineamenti del suo viso, il suo profumo… forse è un Angelo, il vostro spirito guida o magari una vostra antenata. Ora siete davanti a lei, salutala con rispetto con le mani giunte davanti al petto, mentre ella vi invita a sedervi insieme sullo spicchio di Luna, poiché ella ne è la guardiana e custode. Dopo esservi seduti lasciatevi cullare e dondolare dolcemente sullo spicchio di Luna come se foste su un’altalena insieme alla vostra Dea e lasciatevi pervadere dalla gioia e dallo stupore… proprio come quando eravate bambini! In questo luogo incantato non ci sono preoccupazioni e ora sapete che voi potete attingere ad un’illimitata fonte di creatività e abbondanza… basta che allunghiate una mano e afferriate una delle sfere di luce che vi circondano, poiché esse rappresentano i vostri doni e talenti che si trasformeranno in meravigliose opportunità nel mondo reale.

Ora, se lo desiderate, potete porgere una domanda alla vostra Dea, perché lei è venuta anche per aiutavi e guidarvi… è qui per voi. Magari avete iniziato un progetto o avete un sogno da realizzare o, ancora, avete un problema che non riuscite a risolvere e avete bisogno di qualche consiglio. Fate la vostra domanda e, nel mentre che aspettate la risposta dalla vostra Dea, notate quali reazioni ha il vostro corpo e quali sensazioni provate o quali immagini si affacciano nella vostra mente (è molto importante percepire). Non importa se la risposta non arriva subito, perché magari vi arriverà di notte in un sogno, attraverso un segno o un’improvvisa intuizione… voi mettevi in modalità “ascolto”. Intanto state ancora un po’ con la vostra Dea, prendetele le mani e assorbite la sua energia che è benefica e guaritrice, mentre immaginate il vostro corpo circondato da un alone di luce verde smeraldo e rimanete ancora qualche istante così. Ora è arrivato il momento di salutare la vostra guida mentre la ringraziate di  cuore per i suoi consigli, certi che potrete ritrovarvi tutte le volte che lo vorrete e poi scendete le scale che vi riporteranno a casa. Ritornati nel bosco salutate e ringraziate tutte le entità guardiane che vi hanno protetto, ricordandovi che potete ritornare nel vostro bosco sacro tutte le volte che avrete bisogno di rigenerarvi. Poi lentamente riprendete il contatto con il vostro corpo, muovete le mani, i piedi e stiratevi dolcemente e quando ve la sentite riaprite gli occhi e riprendete il contatto con la realtà e ritornate alle vostre occupazioni quotidiane (se invece vi siete addormentati va bene lo stesso). Dopo aver eseguito questa meditazione vi consiglio di annotare (su un quaderno o su un diario) i particolari, le immagini, le sensazioni che avete provato o le idee che potrebbero esservi venute e che potrete rileggere in seguito con calma tutte le volte che lo desidererete.

Che l’energia creatrice di questa Lunazione di Febbraio vi porti tanti meravigliosi doni e nuove opportunità… buona meditazione!

Alice★